La 1° Masterclass intensiva per fare del 2023 il tuo anno migliore di sempre

solo 7 aziende

1° Edizione Sold out

posti esauriti

29 / 30 MARZO - HOTEL GRAND MILAN - SARONNO

La 1° Masterclass intensiva per fare del 2023 il tuo anno migliore di sempre

1° Edizione Sold out

posti esauriti
solo 7 aziende

29/30 MARZO - HOTEL GRAND MILAN
SARONNO

Come produrre contenuti in edilizia e farli fruttare: il “caso” DetrazioniFacili.it

Per descrivere come produrre contenuti in edilizia in maniera efficace, non possiamo non pare di DetrazioniFacili.it

DetrazioniFacili.it è un progetto che in Marketing al Millimetro chiamiamo “totale”, perché abbiamo affiancato completamente sia Fabio Vidotto – ideatore di DetrazioniFacili.it – che il suo team nella realizzazione del progetto stesso giorno per giorno per gli aspetti del marketing e della gestione.

Ed è quello che facciamo con le aziende con cui lavoriamo: essere veri e propri partner per conseguire i loro obiettivi e realizzare la loro crescita.

DetrazioniFacili.it si è fidato di noi e he messo nelle mani del nostro team degli asset fondamentali, da cui abbiamo tratto i risultati che Fabio voleva ottenere.

Ed è proprio Fabio a raccontare a Maddalena, Project Manager di Mmm, come si è svolta la collaborazione.

Puoi leggere le parole di Fabio nelle prossime righe, oppure clicca sul video e guarda e ascolta l’intervista.

YouTube player

DetrazioniFacili.it e gli obiettivi da realizzare

Maddalena: Penso che nel mondo dei serramenti, o comunque nel mondo dell’edilizia, ti conosceranno in tanti.  Però dire cosa fa DetrazioniFacili.it potrebbe essere un ottimo punto di partenza per raccontare un po’ questo progetto che stiamo continuando a portare avanti con Marketing al Millimetro, dall’ultimo anno e mezzo. 

Fabio: DetrazioniFacili.it nasce come blog informativo. Nel lontano 2019 avevo creato io il primo con WordPress e con Elisa, mia collaboratrice. Avevamo iniziato a creare qualche materiale e qualche articolo per informare e formare consulenti, professionisti, imprese, eccetera, del fatto che c’erano delle opportunità legate al mondo della cessione del credito. E quindi sono stato uno dei primissimi a parlare della cessione del credito (noi lavoriamo con la cessione del credito dal 2018). E, ad oggi, è diventato secondo noi e secondo tanti uno dei blog più letti d’Italia sulle detrazioni fiscali, grazie ovviamente al vostro aiuto, fondamentale, e di tutto lo staff che lavora assiduamente per i nostri articoli.

Il nostro ruolo è quello di aiutare principalmente tecnici e imprese a sviluppare tutto il processo legato in questo momento al Superbonus: dall’analisi di fattibilità fino alla gestione del credito del cassetto fiscale dei clienti. 

Quindi questo è quello che facciamo, oltre a fare formazione e assistenza puntuale sulle pratiche. Abbiamo creato una rete di oltre 100 studi tecnici in tutta Italia, che pagano un abbonamento mensile e vengono quindi formati e seguiti da un tutor. 

Ci sono tutta una serie di cose che voi conoscete e che magari vedremo insieme ora. C’è un’area riservata con materiali. Noi produciamo tantissimo materiale: voi lo sapete sfruttare in maniera eccellente per divulgarlo e fare marketing su quello. 

Dietro al successo, dietro a quello che facciamo c’è sempre il lavoro di tutta la squadra che è fondamentale. Oggi c’è una competizione talmente tanto agguerrita, che difficilmente si riuscirebbe a trovare persone con competenze talmente specifiche in tutto quello che serve per ottenere dei risultati.

Maddalena: Io volevo partire proprio dall’inizio, dalle primissime attività che abbiamo svolto insieme. Partendo dal presupposto che una cosa che abbiamo sempre condiviso è l’importanza della creazione di contenuti di valore. Quindi questo è stato un po’ il perno su cui ci siamo basati per tutta l’attività successiva. La prima attività che abbiamo fatto con voi è stata quella del Summit sulle detrazioni fiscali, che si è svolto a ottobre 2020. 

Diciamo che questo era un po’ un test per entrambi, perché l’obiettivo era quello di raggiungere online un target B2B di aziende edili, professionisti dell’edilizia, architetti, ingegneri, geometri interessati a formarsi con voi sul mondo delle detrazioni fiscali. 

Ma ricordiamo che si tratta di un target principalmente interessato a intessere relazioni di persona e, in quel periodo, il discorso Ecobonus 110 era solo all’inizio. Quindi questo Summit è stato un po’ un test per entrambi. Nonostante questo siamo comunque riusciti a generare circa 1500 contatti di persone interessate a seguire l’evento. 

Quindi vorrei che anche tu ci raccontassi poi com’è andata, quindi se questi contatti sono poi diventati nuovi clienti, se sono entrati in contatto con voi in maniera proficua. Cioè, mi piacerebbe che ci raccontassi tu com’è finita questa cosa del Summit.

L’inizio della collaborazione: il Summit online in tempi di lockdown

Fabio: Allora, il Summit, come sappiamo, è stato un parto non da poco, perché c’era molto lavoro intorno. Poi le persone vedono il risultato, in realtà c’è un lavoro di preparazione tecnica, di promozione, di intercettamento di tutti i vari potenziali clienti/utenti, che possono usufruire di un servizio che è stato enorme. Mi fa piacere che parliamo del Summit, ma è stato veramente la punta dell’iceberg, perché il lavoro con voi parte a monte. 

Parte dall’individuazione ben precisa di un target, che può essere il tecnico che vuole formarsi tramite noi, piuttosto che l’impresa, piuttosto che la Signora Maria che vuole fare il Superbonus a casa sua.

Quindi ovviamente ogni target ha una comunicazione dedicata: il Summit era principalmente dedicato ai tecnici, mi ricordo che ho fatto tutte le varie interviste, sono arrivato due giorni prima a finire gli ultimi montaggi. 

C’è stata qualche intervista che non si era registrata, si era registrata male. Era il periodo di lockdown, quindi avevo fatto anche delle interviste da casa, che non avevano una linea stabile. Un travaglio continuo.

Però è andato tutto molto bene. Siamo stati forse gli unici a fare un Virtual Summit, che poi lo abbiamo fatto di tre giorni e mezzo e c’è stato comunque un ottimo riscontro. Quello è stato un primo esperimento di come produrre contenuti in edilizia che ha funzionato.

Ora, onestamente, che cosa è successo con questi 1500 contatti non saprei dirtelo, perché ad oggi abbiamo più di 10mila contatti nella nostra newsletter, che ci seguono quindi tutte le settimane.

Il blog è invece seguito da più di 300mila utenti all’anno: una media di 20mila persone al mese. Una quantità di persone importantissima, al punto che ovviamente un consiglio che posso dare a tutti è che il marketing deve seguire di pari passo la struttura aziendale. 

Nel momento in cui ci muoviamo con una mossa di marketing, di qualsiasi tipo, tendenzialmente il concorrente non fa nulla o quasi nulla. Quindi già rispetto agli altri stiamo facendo qualcosa e rischiamo di acquisire talmente tanti clienti da non poterli gestire, o non saperli gestire.

Quindi è un consiglio che posso dare, perché a me era successo qualche anno fa con la società d’ingegneria. Noi avevamo fermato il marketing, abbiamo iniziato a studiare la gestione aziendale, la delega… 

Ad oggi siamo più di venti persone, tra le varie aziende, e riusciamo a gestire una grande quantità di clienti, una grande richiesta di clienti. Quindi, il primo consiglio che possiamo dare è: marketing tutta la vita, marketing first ma, parallelamente, organizzazione aziendale, gestione aziendale. 

Solo così è possibile sapere come produrre contenuti da far fruttare realmente.

Come produrre contenuti in edilizia in maniera efficace? Si può (e si deve) fare!

Maddalena: Allora, dicevamo che il Summit è stato un po’ il punto di partenza, perché poi abbiamo iniziato una collaborazione un pochino più stretta tra DetrazioniFacili.it e Marketing al Millimetro.

La punta di diamante di tutta l’attività svolta insieme è la produzione continuativa di contributi mirati, che comunque assicurano una presenza online costante di DetrazioniFacili.it, e una presenza tua in qualità di referente di questo progetto. Che poi tendenzialmente sei tu che ci metti un po’ la faccia sui blog e sui social. 

Questa produzione continuativa di contenuti ha contribuito a posizionare te come esperto in Italia di detrazioni fiscali e ha contribuito anche ad aumentare l’autorevolezza di DetrazioniFacili.it per questo tipo di settore. 

Oltre al blog, di cui hai parlato già prima tu e che stiamo seguendo con il posizionamento SEO sul motore di ricerca, abbiamo anche la gestione dei social. Voi avete tantissimi canali attivi: Facebook, Google, Instagram, MyBusiness, dove comunque tutte le settimane appaiono dei contenuti che sono interessanti per gli utenti. Questo è un esempio reale di come produrre contenuti in un settore come l’edilizia. Ma non è tutto.

Nell’ultimo mese, addirittura, il vostro gruppo Facebook è diventato anche uno strumento di “formazione”, perché tu stesso ti dedichi a fare delle live di chi ha delle richieste particolari, e così via. Ti chiederei di raccontarci un po’ che tipo di feedback avete da quest’attività, che comunque è costante nel tempo da almeno due anni. 

Fabio: Allora, ovviamente il content marketing è alla base di tutto, però dev’essere fatto in maniera intelligente, insieme a un team come il vostro che sappia indirizzare la giusta comunicazione. Insomma, bisogna sapere – in sunto – come produrre contenuti affinché siano di reale supporto alla strategia.

Non è soltanto sputare fuori materiale perché, con tutti i contenuti che facciamo, voi avete nelle mani più materiale di quanto se ne riesce poi a lavorare, quindi il lavoro fatto con voi di andare a selezionare, secondo un piano editoriale che abbiamo fatto prima, quali sono i contenuti, con che cadenza devono uscire, in che modo, eccetera, è di vitale importanza. 

Perché ovviamente si parte all’inizio facendosi da soli gli articoli e i post (ancora adesso faccio da solo dei post), però la maggior parte del materiale, quando si arriva a una quantità di cose da fare che l’imprenditore non riesce più a fare da solo, lo deve ovviamente delegare. 

Una delle cose da delegare, che però dev’essere fatta, è il materiale di marketing. E quindi è uno dei migliori investimenti che possiamo fare è quella di una collaborazione con uno o più agenzie, con freelance o con qualcuno che ti possa dare supporto, ma che abbia esperienza. Il professionista a cui ci si affida deve sapere alla lettera come produrre contenuti che funzionano in edilizia.

Questo è fondamentale, perché anche nel mercato si trovano tanti giovani social media manager, web marketer, eccetera eccetera, però non hanno esperienza. 

E questa cosa, il non avere esperienza, ti porta a investire risorse in qualcosa che in realtà difficilmente ti ritorna, o comunque non ti porta a ottenere gli obiettivi che ti eri posto all’inizio.

Quindi io ho sempre preferito investire qualcosa in più, ma con delle figure professionali. Se no me lo faccio da solo: imparo a farlo e me lo faccio da solo. Questa è un po’ la mia visione.

E poi, rispetto anche alla quantità di tempo, come tutte le agenzie di marketing, uno ci chiede: «Ok, dateci il materiale». Perché ovviamente non è che potete scrivere voi sulla legge del 110 (anche se Mariano, il vostro copy, ne sa più di noi!). 

Però il materiale vi dev’essere fornito. Quindi abbiamo visto che lo strumento del video è il contenuto migliore per produrre più contenuti possibili, più materiale.

Noi per esempio, su Facebook, facciamo una volta al mese il live domanda/risposta aperto a tutti i professionisti della nostra rete e anche al di fuori. 

E, già da quello, voi potete attingere una domanda e una risposta utili per fare un post, un articolo del blog, una “pillola” di detrazioni che mettiamo sul canale YouTube, su Telegram, eccetera eccetera.

Quindi un altro consiglio che posso dare è: non spaventatevi se non avete tempo di mettervi lì a scrivere l’articolo, perché non dovete farlo voi imprenditori. 

Dovete semplicemente comunicare, anche con un messaggio vocale, un audio, quello che sapete fare, quello che fate tutti i giorni. E poi ci sarà chi prende questo materiale e lo trascrive in italiano corretto per vendere.

Ed è un’arte assoluta quella, una capacità. Che poi il vendere, anche qui, non è soltanto il vendere la finestra, ma è anche l’attirare un cliente per fargli magari compilare il form di richiesta di contatto. 

Non è il fatturare e il vendere un prodotto: è spingerlo a fare un’azione che poi, con il tempo, lo porterà magari a diventare anche un cliente. Questo significa sapere come produrre contenuti utili che portano risultati.

Mettere il turbo ai contenuti: le sponsorizzazioni

Maddalena: Infatti, riprendendo questo discorso che stavi comunque portando avanti, quando pensiamo alla nostra collaborazione con DetrazioniFacili.it, ci piace pensare proprio a una collaborazione di partnership, perché comunque abbiamo messo in campo tante attività con una sinergia che è comunque difficile trovare anche nel cliente, nel senso che, come stavi dicendo tu, c’è sempre stato uno scambio di materiali continuo. 

Voi ci date sempre più materiale di quello che noi possiamo utilizzare e questo per noi è importante perché non siamo mai a corto di contenuti. Ma l’altro punto che volevo trattare adesso è anche l’investimento che avete fatto per la lead generation nelle campagne pubblicitarie, cioè con investimento di budget pubblicitario. 

Fabio: Noi ci siamo mossi soprattutto su Facebook, con le Facebook ads e, in sinergia con voi, c’è stato possibile anche generare dei risultati, perché abbiamo individuato molto bene il target, a volte anche con una geolocalizzazione stringente, in base agli obiettivi che ci eravamo dati.

Ma non solo questo. Per ottimizzare tutte le attività, siamo proprio andati un pochino più a fondo, nel senso che voi siete sempre molto attenti a cosa succede dopo il “click” sull’inserzione, quindi noi abbiamo sempre fatto la landing page dedicata. 

Maddalena: C’è sempre stata un’attenzione alla qualità del lavoro, per portare poi l’utente a finalizzare l’azione: la famosa call to action. Non so se tu vuoi aggiungere qualcosa, anche riprendendo il discorso di prima…

Fabio: Sì sì, volentieri. Allora, una delle cose più importanti è il fatto che io stesso sono un mio potenziale cliente. E quindi so cosa mi può interessare, cosa mi può piacere e cosa mi serve. 

Cioè, il servizio che io creo e che vendo al di fuori in realtà è lo stesso che utilizzo all’interno del mio Ufficio Tecnico. Quindi so esattamente cosa pensa e vuole il cliente target, quindi un altro tecnico o un altro professionista. 

La quantità di post che è venuta fuori è importante, è fondamentale. Io sono un appassionato di marketing. Con Guido ci siamo conosciuti a eventi che abbiamo condiviso con altri formatori, ed è importante, per non buttare i soldi dalla finestra, essere consapevoli quantomeno dell’obiettivo che si vuole raggiungere. Questo è infatti un altro aspetto del sapere come produrre contenuti.

Poi lo strumento può essere portato avanti e gestito da un team di tecnici come siete voi, ma l’obiettivo, la strategia, l’analisi, i numeri degli investimenti rispetto a quant’è il ritorno dell’investimento, il valore medio di acquisto di un cliente: se non lo sappiamo noi, non possiamo impostare insieme una strategia. 

Perché se io decido d’investire 50, 100, 1000 euro al giorno su Facebook ads su un determinato target di clienti, può essere tutto giusto o tutto sbagliato. Perché dipende ovviamente dalle conversioni.

E se questo investimento mi porta clienti che mi rendono 10mila euro al mese, 10mila euro a settimana, allora posso anche investirne 10mila euro al giorno di soldi su ads. Quindi è molto delicato questo passaggio, e la cosa che abbiamo fatto con voi è stata quella di avvicinare le ads in modo graduale. 

Cioè, siamo partiti da un investimento, abbiamo visto i risultati, abbiamo individuato il target corretto, in alcuni casi la conversione era più alta, in altri più bassa. Abbiamo capito che cosa converte di più, cosa di meno, cosa porta più click rispetto ad altro, e a quel punto si decide cosa investire e anche come produrre contenuti ad hoc.

Abbiamo comunque un budget stabilito con voi d’investimento giornaliero e, di conseguenza, vi muovete poi su questo budget che avete stabilito. Però dev’essere un percorso graduale che parte dalla consapevolezza dell’imprenditore di quello che è il valore del cliente che dev’essere acquisito. 

Sicuramente è molto più difficile se non si hanno clienti ricorrenti. Avere un cliente “spot” costa anche di più in termini d’investimento, perché ne acquisisco uno e poi finisce lì, quindi va anche gestito con sistemi di “referral marketing”.  

Il cliente ricorrente in abbonamento, cui si vende anche un piano di manutenzione (per chi fa interventi come il cambio dei serramenti), quello è fondamentale perché aiuta ad avere un investimento anche volendo più alto, ma che dura di più nel tempo. Fondamentale per un’impresa che duri di più negli anni. 

Una chicca per il marketing: la realizzazione dell’area riservata

Maddalena: A proposito dei vostri clienti, volevo un attimo fare un passaggio sull’area riservata (l’abbiamo citata prima). Perché, proprio all’inizio del lavoro, ci avete affidato la realizzazione dell’area riservata, che è accessibile tramite credenziali, dove gli utenti possono trovare una serie di contenuti di cui fruire, dopo aver fatto il login. Dietro questa bella idea, però, c’è tutta un’impostazione tecnica per farla funzionare. 

Quindi a volte penso che Marketing al Millimetro, per DetrazioniFacili.it, è stato anche un partner tecnico da questo punto di vista, perché l’area riservata in sé e per sé è integrata con tutta un’altra serie di piattaforme che funzionano, che hanno dei funzionamenti tecnici. 

E c’è stato anche un passaggio di “kow how” da noi al tuo staff. Infatti, da quando abbiamo iniziato, su molte cose adesso siete autonomi nella gestione dell’area riservata. 

Su questo mi piacerebbe che tu ci dessi un feedback, in quanto è un lavoro importante anche per i vostri clienti che, in questo modo, hanno un accesso riservato sui vostri contenuti e sulle vostre attività.

Fabio: Allora, qua parliamo di cliente professionista: quindi il tecnico/l’ingegnere/il geometra/l’architetto che decide di abbonarsi a DetrazioniFacili.it e avere quindi formazione e assistenza esclusiva. 

E, oltre alle live che facciamo, ai workshop e ai webinar dedicati, si trova in area riservata tutte le registrazioni, slide e documentazioni utili. Quindi ci sono diverse sezioni, e tutto questo è integrato con ActiveCampaign, che noi abbiamo usato sin dall’inizio, ed è il nostro strumento di e-mail marketing (che ci aiuta anche a capire come produrre contenuti mirati volta per volta).

Però non è solo quello, perché poi si gestisce anche la parte di pagamenti, gli abbonamenti, il gestionale che è stato portato su  ActiveCampaig e mi permette, con una campagna su landing page, o un form di raccolta dati, di gestire le richieste del cliente, che arrivano al commerciale di turno e può sentire il cliente con una scheda, con un form già precompilato. 

Ovviamente non è un lavoro che si fa dall’oggi al domani: sono mesi che lavoriamo insieme per cercare di mettere a punto ogni passaggio. Alcune cose le abbiamo provate, non hanno funzionato e abbiamo anche fatto degli errori. 

Comunque abbiamo fatto delle esperienze e abbiamo capito che non funzionavano: quella della fatturazione automatica, per esempio, per noi era ingestibile. 

Fondamentale è una parte tecnica molto molto approfondita che da soli è praticamente impossibile da fare. Anche qui, noi vi davamo il risultato che volevamo ottenere: io vorrei che fosse organizzata in questo modo e l’utente possa vivere un’esperienza di questo tipo. 

E da lì in poi nascevano tutti i passaggi tecnici vostri, che non erano solo ciò che si vede graficamente, ma c’è un lavoro a monte importante. 

Come produrre contenuti: risultato garantito grazie ai materiali cartacei

Maddalena: Abbiamo parlato un pochino di tutto ciò che è digitale. Tutto questo va benissimo, ok, però ci sono anche i materiali cartacei che agevolano e aiutano tantissimo il cliente nelle sue attività. Quindi magari si potrebbe anche fare un accenno a quello che abbiamo fatto insieme in questa direzione, dato che anche i materiali cartacei rientrano a pieno titolo nel sapere come produrre contenuti strategici in edilizia. 

Perché con DetrazioniFacili.it abbiamo realizzato alcuni di questi materiali cartacei in occasione del Bonus Day, in particolare un fascicoletto dove abbiamo raccolto gli articoli più letti del blog e un altro dove abbiamo raccolto per iscritto le domande e le risposte più frequenti che arrivano sui vari canali. 

Siccome si parla tanto di digitale, ma il cartaceo va ancora abbastanza forte, ti volevo chiedere un feedback sui risultati che ci sono stati, considerando anche che è stato un lavoro fatto per un evento specifico. 

Fabio: Sì, sono andati a ruba, perché li abbiamo inseriti nei nostri pacconi e consegnati a tutti i presenti. E poi il materiale avanzato l’abbiamo lasciato qua in ufficio e tutti i clienti che passavano si portavano a casa una copia di questi libriccini. 

Anche qui è stato un lavoro di riutilizzo del materiale già prodotto, ma sotto un’altra veste: non più blog, non più video, ma cartaceo. E quindi anche a livello di un investimento abbastanza limitato, alla stampa e al supporto del materiale cartaceo.

Un’altra cose che abbiamo fatto insieme è la copertina del libro, che ho visto tra i vostri siti che sta girando. Insieme vi ho dato un’idea e, in tempi rapidissimi, è venuto fuori il mockup, come potrebbe venire, fronte, retro…. Una delle cose più belle del lavorare con voi, a parte capirci subito, è la velocità nella realizzazione del materiale e nel dissipare ogni dubbio su come produrre contenuti adatti al settore e alla strategia. Quindi bravi!

Maddalena: Aggiungo solo una cosa: così com’è bello per i clienti lavorare con alcuni fornitori o con determinate aziende per i fornitori, è altrettanto bello e avvincente lavorare con un determinato tipo di cliente. 

E quando ci troviamo di fronte a delle persone scaltre, brillanti e sveglie, è anche uno stimolo in più per noi a fare, a proporre alcune cose.

Sappiamo che a volte il rapporto tra fornitore e cliente viene visto come un “vuole vendermi più di quello di cui ho bisogno”. Quando in realtà si crea un bel rapporto con una persona come te, che comunque ha una forma mentis diversa rispetto alla media, è chiaro che anche per noi sbizzarrirci a fare alcune cose è molto più avvincente.

Perché sappiamo che dall’altra parte, come dicevi giustamente tu, c’è una persona che se percepisce, se capisce che effettivamente quell’azione o quell’attività può avere dei ritorni superiori all’investimento, è chiaro che fa di tutto affinché la metta in pratica. 

Quindi anche per noi trovare altri clienti come voi, con la vostra preparazione e organizzazione, è molto stimolante e avvincente.

Una cosa molto importante, che tu hai detto più volte, è che quando si trovano dei clienti che sanno tutto quello che c’è dietro, ovviamente anche la comprensione è maggiore. 

Perché, spesso e volentieri, ci si limita a vedere quello che è l’output, che per carità è importante, ma se uno sa anche tutto  quello che c’è dietro, automaticamente si apprezza molto di più anche il lavoro che viene fatto. Quindi per questo ti ti ringraziamo.

L’importanza di capire quando e se fare marketing per la propria azienda

Fabio: E, non smetterò mai di dirlo, ma per me la mia gratificazione più grande è quando vedo un cliente libero di camminare sulle sue gambe. Vuol dire che hai lavorato insieme a quel cliente e oggi è nella condizione di poter andare avanti senza di te.  Aggiungo una cosa. Il marketing non è fare pubblicità, innanzitutto. Non è fare comunicazione, non è grafica, non è il bigliettino, non è il sito, ma è tutt’altra cosa. Una forma mentis per portare i clienti a compiere un’azione e a convertirli: portarli ad essere da potenziali clienti a clienti. Sapere come produrre contenuti che vendono in edilizia è un po’ questo.

Non essendo una scienza esatta, è fatta di errori, di prove, di test. Quindi, se qualcuno vi ingaggia o pensate d’ingaggiare Marketing al Millimetro sperando di far risollevare un’azienda che ha problemi che vanno oltre quelli del marketing, è un errore. Quindi un’azienda deve essere solida, deve avere dei margini. E una parte di questi margini devono essere investiti nel marketing. 

Maddalena: Essendo un investimento, può portare qualche risultato nel breve termine, qualcun altro nel medio – lungo termine, ma dev’essere messo nel piano investimenti, al pari di comprare un macchinario, al pari di assumere una persona in più nello staff. Non si fanno i miracoli e i risultati arrivano con la costanza. Questo è fondamentale. 

Fabio: Esatto, è fondamentale. E se io penso alla mia storia, tutto quello che ho creato, l’ho creato con la costanza, con il pubblicare di continuo contenuti anche quando mio papà mi diceva di non perdere tempo, di pensare a lavorare. O magari nei momenti in cui mi chiedevo se quello che facevo stesse funzionando. 

Maddalena: E questa costanza è di fondamentale importanza per ottenere dei risultati, perché magari ci sta che in un progetto ci siano i primi mesi in cui si prendono le misure e si capiscono determinate cose, e poi dopo ci siano dei risultati che ti consentano di rientrare nell’investimento che hai sostenuto nei mesi precedenti. 

Fabio: Sì, noi quello che abbiamo sempre fatto è stato appunto investire ovviamente su tutto il team di marketing: il team interno, l’agenzia come siete voi, il webmaster, l’Ufficio Stampa, Pubbliche Relazioni. Si tratta di un tram enorme, esteso, sono più ovviamente le collaborazioni esterne di quelle interne. 

Però è fondamentale, perché anche se mia moglie pensa ancora adesso che non stia lavorando e che faccia altro, in realtà questo serve. Questo è lavoro, perché ti posizioni a un livello diverso rispetto agli altri. 

Do’ un altro consiglio: fare attenzione a non incorrere in quella malattia mentale che ti porta a fare la battaglia con la concorrenza, nel senso di voler dimostrare “chi ce l’ha più lungo”. 

Parlo anche delle detrazioni fiscali e del Superbonus: ci sono tantissimi ormai che parlano e hanno anche dei risultati importanti. Io consiglio a tutti di fare la vostra strada, di non avere voglia a tutti i costi di dover dimostrare di essere più bravi degli altri, più veloci a far uscire un articolo, un’idea, un qualcosa.

Muovetevi secondo le vostre convinzioni e secondo la vostra voglia di fare. Perché veramente c’è il mondo. E io vedo che tra tanti colleghi e concorrenti è una battaglia su chi fa uscire per primo la notizia sulla legge che deve ancora uscire. Ma questo non significa necessariamente sapere come produrre contenuti giusti.

Fate la vostra strada: voi siete imprenditori con l’obiettivo di avere un’azienda sana e duratura, che abbia un fatturato e degli utili. Fate attenzione di non arrivare al punto di produrre tanto materiale da dimenticare il perché lo state facendo, che è quello di fare del profitto, che è ovviamente fondamentale.

Scegli il partner perfetto per il tuo marketing aziendale per sapere come produrre contenuti efficaci

Per Fabio Vidotto e DetrazioniFacili.it siamo diventati un vero e proprio partner, con cui abbiamo condiviso strategie e azioni con un obiettivo comune e univoco: crescere.

Ed è stato proprio questo approccio a garantire il risultato.

Se vuoi avere la certezza del risultato, come Fabio, puoi già da ora compilare il form che trovi in fondo a questa pagina e parlarci del progetto che vuoi realizzare per la tua azienda.

Qui, nel frattempo, puoi leggere altri casi studio come quello di Zuffi Infissi, Coges Infissi, La Commerciale Colori e tante altre aziende attive nel mondo dei serramenti e dell’edilizia.

Contattaci e ti aiuteremo a realizzare i tuoi obiettivi aziendali!

Guido Alberti

Guido Alberti

Mi chiamo Guido Alberti e sono l’ideatore di Marketing al Millimetro.

La mia storia non inizia con il marketing, ma con i serramenti.

Prima di ideare Marketing al Millimetro, sono infatti diventato il riferimento in Italia per la corretta posa in opera dei serramenti. Ad oggi, ho aiutato più di 100 aziende a ottenere risultati concreti con il marketing millimetrico fondato sull'analisi e sui numeri.

Guido Alberti

Guido Alberti

Mi chiamo Guido Alberti e sono l’ideatore di Marketing al Millimetro.

La mia storia non inizia con il marketing, ma con i serramenti.

Prima di ideare Marketing al Millimetro, sono infatti diventato il riferimento in Italia per la corretta posa in opera dei serramenti. Ad oggi, ho aiutato più di 100 aziende a ottenere risultati concreti con il marketing millimetrico fondato sull'analisi e sui numeri.

Potrebbe interessarti anche

marketing_e_gestione_nella_PMI_marketing_al_millimetro: titolo dell'articolo in nero su fondo giallo e foto di Guido Alberto

Marketing e gestione nella PMI: sono strettamente legati? E in che modo? Dalla nostra esperienza

Leggi Tutto »
web_marketing_PMI_il_caso_isofin_marketing_al_millimetro: titolo in nero su fondi giallo e foto di Guido Alberti

Ecco una storia di web marketing PMI efficace che vale la pena raccontare. Quella di

Leggi Tutto »
sito_web_edilizia_caso_garganica_marketing_al_millimetro: titolo dell'articolo in nero su fondo giallo con foto di Guido Alberti

Sito web edilizia: serve davvero? E come deve essere strutturato perché funzioni e sia di

Leggi Tutto »

Guido alberti

Il metodo testato per avere più profitti in edilizia

LAUNCH BOX

Il contenitore di tutto quello che ti serve per fare marketing e realizzare i progetti di crescita della tua azienda. Contiene i prodotti specifici realizzati su misura per la tua strategia di marketing, individuati grazie alla consulenza personalizzata con la nostra squadra

MILLIREPORT

Il report completo sulla tua azienda, i suoi numeri, le sue risorse e le sue possibilità per realizzare obiettivi concreti di crescita aziendale, redatto dagli strategist di Marketing al Millimetro che conducono la tua consulenza personalizzata

CONDIVIDIAMO CON TE SOLO LE STRATEGIE DI MARKETING CHE MEGLIO DI TUTTE FUNZIONANO IN EDILIZIA E I CASI DI SUCCESSO

Il modo migliore per rimanere sempre aggiornato è la nostra newsletter.

Iscriviti qui e ricevila gratis direttamente nella tua casella di posta 1 volta alla settimana.